Musini ucciso di botte

2

Eugenio Corda, di anni 40, s’è arrampicato lungo i tubi del gas che corrono sui muri esterni della palazzina ed è entrato da una finestra in casa di Adolfo Musini, di anni 88, ex militare, ex assistente giudiziario, adesso pensionato con qualche disponibilità. Gli ha chiesto dove tenesse i soldi. Musini non gliel’ha detto. Corda l’ha preso a sberle, Musini niente. Corda lo ha colpito con un paio di cesoie, Musini ancora niente. Corda, esasperato, lo ha colpito e colpito ancora finché non l’ha visto a terra con tutto il sangue. Ha rubato quindi dai cassetti e dal portafoglio qualche centinaio di euro ed è scappato. Preso, ha detto di non aver capito che il poveretto era morto.