Ergastolo per l’ex fidanzato che diede fuoco a Sara

4

È stato condannato all’ergastolo Vincenzo Paduano, l’ex guardia giurata che il 29 maggio 2016 a Roma tramortì, strangolò e poi diede alle fiamme l’ex fidanzata Sara Di Pietrantonio, studentessa di 22 anni. La sentenza arriva dalla seconda Corte d’Assise d’appello di Roma al termine del nuovo processo di secondo grado scaturito dal rinvio degli atti della Corte di Cassazione perché venisse rideterminata e aggravata la pena a carico dell’imputato. Il primo giudizio d’appello s’era concluso con una condanna a 30 anni di reclusione. La Cassazione ha ritenuto che Paduano andasse condannato anche per il reato di stalking, oltre che per l’omicidio aggravato dalla premeditazione e dai futili motivi. Concetta Raccuia, la mamma di Sara, ha commentato così la sentenza: «Riconoscendo lo stalking come reato autonomo rispetto all’omicidio e punendolo in presenza di una violenza invisibile, la Corte ha deciso oggi un qualcosa di storicamente significativo per chi si trova a vivere quello che ha vissuto Sara».